Da domani ostruzionismo totale su dl salva-liste

Non una sola manifestazione ma proteste organizzate in tutta Italia: è quanto ha intenzione di fare il Pd per protestare contro il decreto interpretativo varato dal governo sulle regionali. «A partire da domani faremo ostruzionismo totale alla Camera e al Senato. Faremo in modo che non passi più niente, compreso il decreto fatto dal governo per le regionali, e sabato ci sarà una manifestazione in tutta Italia, non solo a Roma ma anche in tutte le grandi città italiane. Questa decisione è dovuta dal fatto che il governo non rispetta le regole minime di fair play nei confronti dell’opposizione che Berlusconi continua a ricoprire di insulti». Queste le parole di Enrico a margine di un incontro sull’Expo a Milano con il candidato alle regionali in Lombardia, Filippo Penati.

Anche Antonio Di Pietro è invitato a scendere in piazza con il Pd: «Di Pietro – ha spiegato Enrico – deve sapere che attorno alla capacità dell’opposizione di sentirsi unita si giocherà la nostra possibilità di bloccare il decreto. Se saremo divisi, faremo un regalo a Berlusconi: Di Pietro lo sa, lo sappiamo tutti e sabato ognuno farà la sua parte».

Poi, tornando sul tema dell’incontro, Enrico ha auspicato che l’Expo possa «rappresentare una grande svolta per la Lombardia e per Milano, ma c’è bisogno di un impegno che non vediamo. Oggi l’Expo è diventato un tema minore, i soldi non arrivano e non c’è l’impressione di una grande voglia da parte di Formigoni e della Moratti di metterci la faccia. È un brutto segno. L’Expo – ha concluso – ha senso non se diventa un compitino burocratico che va fatto, ha senso se è la grande svolta per il nord del nostro Paese, per la Lombardia e per Milano».

Commenti

Lascia il tuo commento

Lascia il tuo commento