Enrico al Tg3, corruzione è il male del Paese, subito sessione parlamentare ad hoc

«La corruzione è la piaga del Paese». Lo ha detto stasera Enrico intervistato dal Tg3, chiedendo alla maggioranza e al governo di ritirare il provvedimento sul processo breve e lanciando un appello affinché il Parlamento apra immediatamente una sessione per discutere e approvare norme che rendano più severe le leggi sulla corruzione: «Le nostre liste per le regionali sono assolutamente pulite. E se Berlusconi intende fare qualcosa ritiri subito il processo breve che è fatto apposta per evitare i suoi processi e allo stesso tempo aiuta corruttori e concussori».

Poi  il no del PD alla legge sulle intercettazioni: «I cittadini pensano ad altro che alle intercettazioni – continua – ma pensano piuttosto alla scuola, al posto lavoro e alla cassa integrazione o se sono imprenditori alla mancanza del credito».

Infine Enrico si è soffermato sulla ricostruzione in Abruzzo e sulle vicende giudiziarie degli ultimi giorni: «I cittadini dell’Aquila chiedono giustizia e ricostruzione – ha detto – e dobbiamo dargli la ricostruzione ma anche la giustizia. E dovrebbe essere Berlusconi – ha concluso – ad impegnarsi in prima persona».

Lascia il tuo commento