Incertezza, crisi, instabilità. La via maestra della sussidiarietà

“E l’esistenza diventa una immensa certezza”, è questo il filo conduttore della XXXII edizione del Meeting di Rimini, che si è svolto tra il 21 e il 27 agosto 2011 e che, come ogni anno, ha visto la partecipazione di personalità della politica, manager dell’economia, rappresentanti di religioni e culture, intellettuali e artisti, sportivi e protagonisti dello scenario mondiale, riuniti tra incontri, mostre, spettacoli e eventi sportivi. Come ogni anno, anche stavolta partendo dal titolo e dal tema che esso propone, si è discusso di economia, arte, letteratura, scienza, politica, problemi sociali, musica di ogni genere, con la curiosità e trasversalità tipica dell’evento.

“Non ravviso alcuna provocazione nel titolo – ha detto Enrico, intervenendo in qualità di membro dell’Intergruppo parlamentare per la sussidiarietà all’incontro ‘150 anni di sussidiarietà’, insieme a Maurizio Lupi, vicepresidente della Camera dei Deputati e fondatore dell’Intergruppo, alla presenza del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano – . Perché l’esistenza di chi politica la fa quotidianamente ruota intorno a un’immensa e solida certezza. Politica nella sua più alta accezione: quella che non la riduce a “mestiere”, che non la confina a “strumento” né di bassi interessi privati, né di azzardate narrazioni di mondi perfetti, che non la immiserisce a marketing o a captatio benevolentiae”.

“Certo – continua poi – , potremmo dividerci, in alcuni casi, sulla definizione di “migliore”, ma la certezza che la cura e l’amministrazione della polis debbano essere improntate a questa continua e giornaliera ricerca è ineludibile. È la premessa, l’obiettivo e l’essenza stessa del fare politica. Se così fosse per tutti, la discussione sul come e con chi, su cosa sia più o meno urgente o più o meno buono, non si trasformerebbe mai in guerriglia o, come spesso accade, in sterili opposizioni dialettiche. Potremmo recuperare lo spirito dei padri costituenti e ancora, prima di loro, di chi ha lottato – fino al sacrificio della propria vita – perché l’Italia fosse una e indivisibile”.

E conclude affermando come “le celebrazioni dei 150 anni dell’Unità dovrebbero servire anche a questo: a riconquistare una dignità e severità dell’azione politica tale da arricchirla e renderla davvero partecipata, condivisa e compresa, pur nelle diversità delle varie posizioni, da tutti”.

Leggi la sbobinatura dell’intervento di Enrico.

Leggi l’articolo di Enrico sul Corriere delle Opere.

Leggi l’articolo di Enrico su Atlantide.

Commenti

Lascia il tuo commento

Lascia il tuo commento