La manovra è contro il federalismo

Questa manovra è un passo indietro. È un ostacolo al federalismo. Lo ha affermato Enrico a margine di Nord Camp, l’evento organizzato dalla sua Associazione TrecentoSessanta in Veneto. «Il federalismo deve essere fatto bene per evitare che produca costi. C’è bisogno di un fisco che sposti il peso dalle spalle di chi lavora e produce a chi vive di rendita. Dobbiamo farlo in maniera trasparente. Ciò vuol dire lavorare bene sulle rendite speculative – ha spiegato – Toccare tutto ciò che riguarda le rendite finanziarie tranne i titoli di Stato». È un’operazione necessaria, «non perché siamo il partito delle tasse – ha sottolineato – ma perché siamo il partito della riforma fiscale». Enrico ha infine ricordato che l’Italia ha tre record: «è il Paese che ha il maggior lavoro nero in Europa, che ha più tasse per chi lavora e produce e ha invece le tasse più basse per chi vive di rendita».

Commenti

Lascia il tuo commento

Lascia il tuo commento