L’azione del futuro governo parta da lettera Bce

“I contenuti della lettera di Draghi e Trichet rappresentano la base su cui impostare politiche per far uscire l’Italia dalla crisi. È siderale – dice Enrico – la distanza tra quelle analisi e ciò che il governo ha concretamente fatto, o meglio non fatto, in queste settimane. Qualunque governo succederà al governo Berlusconi dovrà ripartire dai contenuti di quella lettera”.

Commenti

Lascia il tuo commento
  1. qualunque governo succederà si troverà delle belle gatte da pelare. Mi auguro che il Pd sia pronto ad affrontare tutto questo

    da Nadia S. il 29 settembre 2011 alle 10:51

  2. Letta, il programma del PD non ha proprio niente a che vedere con la lettera della BCE, non siamo un partito liberista, e il nostro segretario si chiama BERSANI. Lei si candidò alla segreteria alle primarie del 2007, l’esito è noto.

    da Franco il 29 settembre 2011 alle 11:48

  3. Dimenticavo, il responsabile economico del PD si chiama Stefano Fassina, è lui (e solo lui) che stabilisce quella che è la linea del PD in materia economica, e oggi dichiara:

    “A nostro avviso sia la richiesta di facilitare i licenziamenti che quella di superare il contratto nazionale del lavoro sono sbagliate e controproducenti”

    http://notizie.tiscali.it/articoli/interviste/11/09/fassina.html

    da Franco il 29 settembre 2011 alle 11:52

  4. Fassina??? e da quando in qua anche le pulci hanno la tosse?

    da Antonio F. il 30 settembre 2011 alle 13:42

  5. La BCE ha dichiarato guerra ai lavoratori, non agli evasori ma ai lavoratori. Mi facci capie per cortesia On. Letta, Lei e il Pd siete dalla parte della BCE o dei lavoratori?

    da Stefano Tassinari il 30 settembre 2011 alle 14:06

  6. La ringrazio perché mi chiarisce, una volta per tutte, il motivo per cui non voterò mai più il PD.
    Se uno dei suoi principali esponenti esalta una lettera che è l’apoteosi di quel finanzcapitalismo che sta massacrando milioni di persone normali, stracciando le più grandi conquiste democratiche e demolendo il welfare – ricette già ampiamente praticate negli ultimi 30 anni, con i risultati che vediamo – questo partito non mi appartiene.
    Mi chiedo come lei possa coesistere con Orfini o Fassina. Ma forse è il solito gioco del poliziotto buono/poliziotto cattivo.

    da gianni il 30 settembre 2011 alle 14:34

  7. Credo, invece, che in questo momento, se vogliamo uscire dalla crisi dobbiamo dare ascolto a quella lettera, anche perché le politiche attuate da questo governo ci hanno condotto a un punto tale che servono misure drastiche e forti

    da Lucia O. il 30 settembre 2011 alle 17:12

  8. Cara Lucia, le politiche della BCE sono le stesse che da 30 anni imperano nell’Occidente, da Reagan in poi. I risultati sono sotto gli occhi di tutti. Nessuna autocritica sulla dittatura della finanza sull’economia e sulla politica, ormai schiava assoluta della prima,nessun cenno a qualche timida riforma dei mercati finanziari. Gli stati rinunciano alla loro sovranità e la cedono a un’ente tecnocratico, la BCE, i cui conflitti d’interesse con le 10 grandi sorelle che si divertono con la speculazione, muovendo ricchezze virtuali pari a 8 volte il PIL del mondo,sono mostruosi. E’ pazzesco come anche a sinistra ormai si sia plagiati da questo pensiero unico. E’ come andare a 100 all’ora in discesa mentre Draghi ci dice “non basta, dovete pure smontare i freni della macchina”. Le elite staranno sempre meglio, conta solo questo…

    da gianni il 30 settembre 2011 alle 18:55

  9. Ammesso e non concesso che si debba onorare il debito (l’Islanda con un refferendum ha deciso di non onorarlo) ci sono modi alternativi per mettere a posto i conti: una patrimoniale, la tassazione delle transazioni finanziarie e soprattutto la drastica riduzione delle spese militari (pro capite spendiamo più della Germania ed esponenzialmente più della Spagna). Chi vuol fare politiche liberiste e di destra chieda voti a destra, su queste posizioni il mio voto non lo avrete di sicuro (sono un insegnante di scuola primaria, uno statale quindi, e non sono masochista). Tanti cari auguri e mi saluti suo zio.

    da Mauro Carlo Zanella il 2 ottobre 2011 alle 13:50

  10. [...] e dunque quella ufficiale del Pd, in merito alle succitate richieste. Se cioè, come Enrico Letta, le consideri giuste e condivisibili (“I contenuti della lettera di Draghi e Trichet rappresentano la base su cui impostare politiche [...]

    da Bersani spieghi come farà a governare coi comunisti, visto che la Bce chiede politiche liberiste – Camelot Destra Ideale il 4 ottobre 2011 alle 18:54

  11. NON avevo mai saputo di questa sua dichiarazione riguardo ai contenuti di quella lettera che reputo una grave ingerenza negli affari interni di un Paese Sovrano oltre a rappresentare, per suoi contenuti, edcondo il mio libero pensiero , un grave episodio anti democratico. Non credo che si possa dire altro in termini civili su certe “richieste” che paiono essere scritte nel medioevo per la crudezza con cui si pretenderebbe di cancellare i diritti dei lavoratori cittadini della Republbica, oltre amolto altro che sono rimasto sbigottito a leggere…. .

    da giorgio il 24 novembre 2012 alle 22:16

  12. [...] “L’azione del futuro governo parta da lettera Bce” “I contenuti della lettera di Draghi e Trichet rappresentano la base su cui impostare politiche per far uscire l’Italia dalla crisi. È siderale – dice Enrico – la distanza tra quelle analisi e ciò che il governo ha concretamente fatto, o meglio non fatto, in queste settimane. Qualunque governo succederà al governo Berlusconi dovrà ripartire dai contenuti di quella lettera”.Fonte: http://www.enricoletta.it/press/lazione-del-futuro-governo-parta-da-lettera-bce/ [...]

    da Enrico Letta e la sua amata "agenda Monti": ecco i suoi obiettivi dichiarati | Grida la Tua il 2 dicembre 2012 alle 01:29

  13. [...] “L’azione del futuro governo parta da lettera Bce” “I contenuti della lettera di Draghi e Trichet rappresentano la base su cui impostare politiche per far uscire l’Italia dalla crisi. È siderale – dice Enrico – la distanza tra quelle analisi e ciò che il governo ha concretamente fatto, o meglio non fatto, in queste settimane. Qualunque governo succederà al governo Berlusconi dovrà ripartire dai contenuti di quella lettera”.Fonte: http://www.enricoletta.it/press/lazione-del-futuro-governo-parta-da-lettera-bce/ [...]

    da NUTesla | The Informant » Enrico Letta e la sua amata “agenda Monti”: ecco i suoi obiettivi dichiarati il 2 dicembre 2012 alle 01:31

  14. [...] “L’azione del futuro governo parta da lettera Bce” “I contenuti della lettera di Draghi e Trichet rappresentano la base su cui impostare politiche per far uscire l’Italia dalla crisi. È siderale – dice Enrico – la distanza tra quelle analisi e ciò che il governo ha concretamente fatto, o meglio non fatto, in queste settimane. Qualunque governo succederà al governo Berlusconi dovrà ripartire dai contenuti di quella lettera”.Fonte: http://www.enricoletta.it/press/lazione-del-futuro-governo-parta-da-lettera-bce/ [...]

    da TeleradioNews ♥ non solo notizie da caiazzo & dintorni » Enrico Letta e la sua amata “agenda Monti”: ecco i suoi obiettivi dichiarati il 2 dicembre 2012 alle 02:43

Lascia il tuo commento