Letta: “Lasciate che Le Pen governi. Soltanto così la rabbia sbollirà”

profile el

Intervista rilasciata ad Alessandro Trocino per il Corriere della Sera dell’8 dicembre 2015.
 «Mi auguro che il Front national governi e non venga escluso da accordi a tutto campo». L’auspicio può sembrare strano, visto che a parlare è Enrico Letta, ex premier del Pd che ora guida la scuola d’affari internazionali di Sciences Po, a Parigi. E visto che il destinatario è Marine Le Pen.
È un bene che governi nelle regioni? «Intendiamoci: credo che la Le Pen sia un disastro, per la Francia e per l’Europa. Il fatto che poi si stia parlando di un voto a una dinastia familiare e familista, ha dell’incredibile».
Dunque perché sarebbe un bene? «La Francia è una pentola a pressione con un coperchio chiuso. Il successo del Front national è così dirompente anche perché finora quel 27% è stato emarginato ed escluso dal Parlamento».
I socialisti, pur di fermare la destra xenofoba, ritirano i loro candidati. «Li capisco. Ma un fronte dei partiti può essere contro-producente. Se non si trovano valvole di sfogo e democrazie accoglienti, la Le Pen rischia di vincere le Presidenziali».
Molti legano il successo di Fn agli attentati di Parigi. « È un errore. I sondaggi di un mese fa, prima degli attentati del 13 novembre, davano lo stesso esito. Il terrorismo non ha spostato nulla. Il che non vuol dire che integrazione, emigrazione e impatto dell’Islam non c’entrino: ma erano temi già presenti».
Come si spiega allora questo successo? «È un no radicale alla politica tradizionale, fatta di riti, di vecchi linguaggi e di élite».
Si può fare un parallelo con i 5 Stelle? «C’è un tratto comune molto forte: la Le Pen parla spesso di Umps, cioè di un partito unico del centro destra, Ump, e dei socialisti, Ps. Esattamente come fa Grillo, quando cita Pdl e Pdmenoelle. Si pongono contro i partiti. In Francia come in Italia, come nella Spagna di Ciudadanos e Podemos, il messaggio è lo stesso: gli outsider contro il sistema, il popolo contro l‘establishment».
E hanno successo. Perché? «Perché la povertà aumenta e c’è la paura che quel poco di ricchezza si debba condividere con gli immigrati. Questo è il voto di un popolo che sta male e si ribella. Il messaggio è questo: abbiamo provato tutti, tanto vale provare loro».
L’avanzata delle destre mette a rischio l’Europa? «Mette in discussione l’idea stessa di Europa».
Salvini e Meloni esultano. «Hanno poco da gioire. In Francia la destra di Sarkozy è stata durissima con il Fn e non farà mai accordi con loro. C’è un fossato incolmabile».
È la fine dei socialisti? «Hollande ha gestito bene la crisi, facendo risalire il partito nei sondaggi. Ma, certo, i socialisti perdono le elezioni da anni. Il voto punisce la politica tradizionale».
Il populismo avanza. « Il termine è abusato. Ma la gente ce l’ha con le élite. E il populismo antisistema non è mai stato così forte, in Italia. Effetto in parte anche del livellamento di Internet, che consente di raggiungere sempre più persone e fa contare sempre meno le strutture di partito. E i politici di professione».
Lei ha smesso, almeno temporaneamente. « È stata una scelta di vita, non ci possono essere carriere che durano tutta la vita. Parlando in generale, per fare politica bisogna fare una vita normale».
L’Islam è compatibile con le grandi democrazie? Con la secolarizzazione francese, con la laicità europea? O aveva ragione la Fallaci? «Ho molti dubbi sulla tesi della scontro di civiltà. C’è piuttosto un’islamizzazione del radicalismo. Gli attentati sono stati fatti da reietti della società, in Francia e in Belgio, che nella loro follia hanno incrociato l’islamismo. Non è buonismo: il problema vero sono le sacche di esclusione».

Commenti

Lascia il tuo commento

Lascia il tuo commento