Maltempo, Italia chieda scusa al Veneto

«L’Italia chieda scusa al Veneto. E chieda scusa al Veneto prima di tutto il Governo Berlusconi, per la disattenzione con cui ha reagito all’emergenza che ha devastato questa regione». Lo ha detto Enrico, oggi a Vicenza per portare un messaggio di vicinanza e solidarietà alla città.

Dopo aver incontrato il Sindaco Achille Variati, ha spiegato su quali priorità intende muoversi il Pd per sostenere la causa del Veneto. «In primo luogo – ha spiegato – serve una sospensione immediata dei tributi, per non soffocare aziende e famiglie già colpite dall’emergenza; in secondo luogo, serve una deroga al Patto di Stabilità per i Comuni delle aree alluvionate; e infine, in Finanziaria, serve uno stanziamento cospicuo per i risarcimenti. I 20 milioni di euro stanziati dal Governo per l’emergenza di più regioni sono l’autentica goccia nel mare del bisogno».

Riguardo alle proposte leghiste in materia di sciopero fiscale, Enrico ha detto: «La Lega governa in regione e a Roma. Se non è in grado di ottenere risorse per il Veneto dovrà renderne conto ai cittadini di questa regione». «Zaia e Berlusconi fino ad ora sono stati disattenti. Zaia – ha concluso – non è ancora nemmeno andato a visitare Vicenza. Alla Lega si chiedono stavolta fatti e non parole».

Commenti

Lascia il tuo commento

Lascia il tuo commento