Regionali, abbassiamo i toni. Colpa delle liste è solo PDL

«Sulla vicenda della mancata presentazione della lista comprendiamo l’amarezza ma invitiamo ad abbassare i toni e a rimettere le cose al giusto posto. La democrazia non è in pericolo – ha dichiarato Enrico – ed è improprio coinvolgere il capo dello Stato, la magistratura e il Pd in una vicenda che appare semplice e tutta legata a responsabilità dei rappresentanti del Pdl romano, come è evidente alla lettura delle varie dichiarazioni sui giornali di oggi».

«Non si può neppure parlare di competizione stravolta, giacché il confronto è tra chi dei candidati presidenti prende un voto più dell’altro, servendo le liste esclusivamente al riparto dei seggi all’interno delle coalizioni – aggiunge -. Se poi i criteri per decidere l’ammissibilità delle liste alle elezioni, da formali, dovessero diventare criteri politici, il precedente che si creerebbe sarebbe uno stravolgimento delle regole dalle conseguenze non gestibili, né ora né in futuro».

Commenti

Lascia il tuo commento

Lascia il tuo commento