Senato, rischio strappo istituzionale

“La decisione della presidenza del Senato di intervenire politicamente nella scelta del nuovo segretario generale di palazzo Madama – afferma Enrico -, impone una candidatura che scardina tutti i criteri e scavalca tutti i candidati in nome di motivazioni che destano profonde perplessità. È necessario rispettare, sempre e fino in fondo, i criteri di merito e l’autonomia di una grande struttura come l’amministrazione del Senato della repubblica. Si tratterebbe – conclude – di un grave strappo istituzionale in una prassi che non ha mai conosciuto interventi di parte. La scelta si deve basare su criteri certi e non manipolabili, ruolo, competenza, professionalità, graduatoria ed anzianità”.

Commenti

Lascia il tuo commento

Lascia il tuo commento