Tempo scaduto, basta promesse e discorsi vaghi

“Il tempo è scaduto, la sabbia nella clessidra è finita”. Enrico a Radio Anch’io, dà il time out al governo che si appresta a far partire la manovra per la crescita. “Sono tre anni – dice – che sentiamo discorsi vaghi e sono due anni che periodicamente parte il film del decreto sviluppo. L’ultima volta è stato a febbraio di quest’anno, quando abbiamo fatto una sfilza di trasmissioni per commentare il decreto del governo. Faccio notare – aggiunge – che non sono stati ancora fatti i principali atti attuativi di quel decreto varato in primavera. Ad esempio, per quanto riguarda l’attuazione del credito di imposta al Sud”.

Il governo, rappresentato in studio dal ministro Sacconi, si appresta a varare due provvedimenti per facilitare la capacità di investimento dello Stato da una parte e dei privati dall’altra e precisa che la ratio che ispirerà la manovra per la crescita, sarà quella di misure senza aggravio di spese per lo stato. Sul punto arriva a stretto giro la replica di Enrico: “Se vogliono varare misure a costo zero vuol dire che non vogliono fare nulla di serio”.

Commenti

Lascia il tuo commento

Lascia il tuo commento