Un patto di legislatura per il settore auto

Un patto di legislatura per il settore dell’ automotive e l’impegno, in caso di vittoria alle prossime elezioni, di un governo che abbia “l’auto strutturalmente in testa”. Lo ha detto Enrico Letta nel corso di un incontro sul futuro dell’auto in Italia. “Per la prossima legislatura è necessario dar vita a un patto di cinque anni per il rilancio dell’automotive nel nostro Paese e in Europa – ha spiegato – è un patto che deve vedere tutti i protagonisti impegnati, le imprese, a cominciare dalla Fiat che deve mantenere gli impegni presi, e credere nell’Italia, i lavoratori, i sindacati, le istituzioni”.

“Deve essere – ha aggiunto – un patto di legislatura in cui il governo può e deve giocare un ruolo per agevolare relazioni industriali migliori, soluzioni sui territori migliori e politiche europee che siamo effettivamente efficaci. Ho visto il piano ‘Cars 2020′ della Commissione Europea sul tema dell’automobile, sicuramente è bene che la sia stato lanciato un piano di questo genere, ma si devono vedere i fatti non bastano indicazioni generiche”.

“Per quanto ci riguarda – ha concluso – tutte le parti devono ragionare e trovare soluzioni. Non si può alzare bandiera bianca in Europa sul tema dell’auto. Per noi questo tema e’ prioritario e per questo, se vinceremo le elezioni, offriamo per i prossimi cinque anni l’impegno di un governo che abbia strutturalmente l’auto nella testa”.

Commenti

Lascia il tuo commento

Lascia il tuo commento