Dimissioni da presidente del Consiglio

quirinaleIl Presidente del Consiglio Enrico Letta si è recato al Quirinale per rassegnare le dimissioni irrevocabili del suo Governo nelle mani del Capo dello Stato. Il Presidente della Repubblica ha preso atto e lo ha invitato a rimanere in carica per il disbrigo degli affari correnti.

Commenti

Lascia il tuo commento
  1. Hai tutta la mia solidarietà
    Certo non pensavi ad un simile comportamento di Renzi.
    Io, fesso, avevo creduto alle sue parole.
    Speriamo bene

    da tito santoni il 14 febbraio 2014 alle 20:03

  2. Non è mia abitudine esprimermi in rete ma questa volta lo ritengo necessario. .Non ho parole su quanto è successo in questi ultimi giorni.. Seguivo i piccoli ma grandi passi del presidente oltremodo disturbata da chi criticava in modo emotivo e poco costruttivo.. Un grazie da me e da quanti con me hanno apprezzato la signorilità del tratto, la saggezza nei comportamenti, la fatica dei viaggi nel mondo peraltro sempre molto costruttivi.
    Questa è l’epoca del tutto e subito, dell’evidenziazione del negativo, dei tuffi nelle scelte di pancia .. davvero non ci sono parole!!!!!Roberta

    da Roberta P. il 14 febbraio 2014 alle 21:38

  3. Saluto con profondo rispetto l’uomo che reputo degno di essere chiamato “statista”; forse ancora in fieri per qualche aspetto (manca ancora della forza del rispetto acquisito), ma sono convinto che ne abbia tutta la stoffa. Quella che manca alla politica italiana da almeno quaranta anni.
    Grazie dunque; soprattutto all’uomo ed al fine mediatore costruttivo… Una volta tanto, davvero per gli interessi degli Italiani. È vero. La sua opera è stata poco appariscente, ma – per chi ha buoni occhi – nelle fondamenta, molto solida e costruttiva. Certamente affatto propagandistica, ma molto efficace. Per questo… Da vero statista. Grazie.

    da Marco Pinci il 15 febbraio 2014 alle 00:58

  4. Grazie per la sua personale rettitudine. Il tempo è galantuomo..

    da don Michele il 15 febbraio 2014 alle 05:48

  5. Grazie per l’ impegno competente e paziente profuso in questi mesi di governo. Il tempo è galantuomo. So che lei crede nella forza della preghiera.. I frutti dell’ onesto non tardano a venire.

    da Michele il 15 febbraio 2014 alle 05:55

  6. Caro Enrico, ti ho seguito fin dagli esordi di questa strana coalizione e ho sempre sperato e avuto fiducia, i risultati purtroppo non sono stati all’altezza delle aspettative ma forse ti abbiamo caricato di una responsabilità eccessiva. Chi prende il tuo posto oggi si renderà presto conto che non è sempre dolce questo mar. E che le decisioni anche se buone, devono tenere conto dei giochi di palazzo che non sono quasi mai vantaggiose per l’avversario. Renzi è giovane, carico di energia e di quella spregiudicatezza che forse ti è mancata. Speriamo basti, perché la palude è ancora lì e anche se non ti inghiotte, ti costringe a brusche frenate.
    La vera forza deve essere dimostrata nella ripartenza, nel lungo corso e al traguardo.
    Volevo dirti grazie per questi dieci mesi, non è stato semplice far partire questo governo, né resistere agli attacchi dei molti avversari politici. Ne sei uscito da signore, mai una caduta di stile, nessuna macchia, coerente e corretto fino in fondo. Penso che questo è ciò che ci si aspetta da chiunque sieda sugli scranni del Parlamento. Far ripartire l’Italia e tirarla fuori dalla crisi che la sta divorando è un’altra storia tutta da scrivere. Incrociamo le dita e lottiamo insieme. Ciao Enrico!

    da Angela Catalini il 15 febbraio 2014 alle 07:39

  7. Forse potevi fare di più, ma non dimentichiamo con quali personaggi dovevi lottare…ritengo vergognoso il comportamento del mio partito ( non dimentichiamo anche i 101….) al quale difficilmente rinnoverò la mia fiducia..Ripeto, mi dispiace.,sei una persona onesta…ora goditi la tua bella famiglia….

    da gaetanoscetta il 15 febbraio 2014 alle 08:13

  8. Forse potevi fare di più, ma non dimentichiamo con quali personaggi dovevi lottare…ritengo vergognoso il comportamento del mio partito ( non dimentichiamo anche i 101….) al quale difficilmente rinnoverò la mia fiducia..Ripeto, mi dispiace.,sei una persona onesta…ora goditi la tua bella famiglia….Nino scetta

    da gaetanoscetta il 15 febbraio 2014 alle 08:14

  9. Tutta la mia stima e comprensione.
    Un solo errore (anche se obbligato, ma per me bisognava tener duro) aver accettato l’imposizione demagogica dell’IMU 1a casa e …parla chi l’avrebbe dovuta pagare.
    Berlusconi, Grillo e Renzi povera Italia speriamo bene:

    NON è duplicato!!!!! evidentemente non sono il solo!!!

    da daniele di pietrantonio il 15 febbraio 2014 alle 09:31

  10. Egr. Sig. Enrico,
    merita la stima i tutti gli italiani di buon senso che sanno che, come in tutte le famiglie, si esce dai debiti piano piano un passo alla volta con la collaborazione di tutti i famigliari e senza l’illusione di strafare. Stia tranquillo che i palloni gonfiati prima o poi implodono da soli.
    Distinti Saluti

    da Paolo il 15 febbraio 2014 alle 13:59

  11. Caro Enrico,mi scuso per il tono confidenziale,ma si dà il caso che potrei essere la tua mamma essendo nata nel primo dopoguerra…Ahimè ! Non mi piace per niente quello che è successo:avrei voluto che tu portassi a compimento il tuo difficilissimo impegno .Condivido il tuo stile,la tua correttezza,il tuo ritmo di lavoro(diffido delle cose frettolose!),la tua competenza:in poche parole la tua classe!Credevo in te fin dai tempi delle Primarie vinte da Veltroni(infatti avevo scelto te):Comunque non credo che starai per molto in panchina Riposati!

    da Vittoriana il 15 febbraio 2014 alle 14:25

  12. Caro Enrico, anche io avrei auspicato un po piu’ di coraggio da parte tua nell’azione di governo , una incisione netta in materia di riduzione tasse e di politica economica delle famiglie;
    cio’ pero’ non giustifica minimamente il comportamento della direzione del PD nei tuoi confronti.
    Ad ogni modo ritengo che tu ti sia comportato da signore vero, quale ti conosco.
    Saluti ed in bocca al lupo per il futuro prossimo………………..in politica

    da rodolfo da pisa il 15 febbraio 2014 alle 17:22

  13. Da persona di centrodestra che mai ha votato a sinistra, tutto il mio ringraziamento a lei per quanto ha fatto e come lo ha fatto; se avessi potuto , magari in futuro succederà, votare, lei sarebbe il primo uomo di sinistra in cui credo e quindi avrebbe il mio voto. Tanti tanti tanti ringrazimenti, stima e auguri di buona fortuna. giuliana pedroli – vanzago milano

    da giuliana pedroli il 15 febbraio 2014 alle 17:40

  14. Gentilissimo Enrico Letta, sento il bisogno, in questo momento difficile, di esprimerle la mia solidarietà e di ringraziarla per gli sforzo che ha fatto in questi lunghi 10 mesi. Ho creduto in lei e oggi, alla luce di quanto accaduto, ci credo ancora di più. Non è facile trovare una persona che sappia accettare gli eventi con dignità ed umiltà come ha fatto lei. E’ scioccante tutto ciò che sta accadendo, che la presunzione e l’arroganza facciano da padrone e l’abbiano vinta. E’ l’affermazione dei presuntuosi, dei prepotenti, di coloro che saltano la coda al supermercato o ti passano avanti quando sei in attesa al semaforo. E non solo lo fanno, ma si credono anche bravi e più furbi. Sono davvero addolorata e le sono vicina e mi vergogno di essere cittadina della mia bella Firenze. L’unica cosa positiva in tutto ciò è che a Firenze ce lo siamo tolti di torno e speriamo che alle prossime elezioni amministrative si presenti un candidato migliore che ami davvero la città e voglia occuparsene seriamente. Tornando a Lei, la ringrazio ancora per la fatica di mediazione che ha fatto fino ad ora in questa Italia così difficile da governare e le auguro un grande futuro. Grazie

    da Ilaria Balboni il 15 febbraio 2014 alle 18:07

  15. Caro Enrico, mi permetto di rivolgermi con il “tu” per la grande partecipazione che mi anima nel seguire le vicende che ti coinvolgono in questo modo, sconcertante per me, che ho creduto nella sinistra per troppi anni, nonostante il ripetersi di tradimenti vergognosi che vengono giustificati con le ragioni della politica. Come si può credere in un prossimo probabile premier che mente così sfacciatamente, rivendicando a suo favore chiarezza e lealtà dopo ogni bordata data ai colleghi del suo partito. Ho apprezzato il tuo tatto, spesso mistificato dai detrattori, come debolezza, e la tua signorilità nell’astenerti dai beceri battibecchi in cui primeggiano i tre “leader” più populisti; la tua trasparenza ed onestà è sempre trapelata nelle tue azioni di governo sia in Italia che all’estero, dove è emerso maggiormente la stima che ti era dovuta. E’ vergognoso che i riconoscimenti più sostanziali e sentiti siano venuti da Alfano e, nel “palazzo del PD”, mentre si sanciva il vergognoso ribaltone, non c’è stato neanche un pensiero nemmeno di circostanza, rivolto a te per il tuo operato, a parte la scipita assurda piagnucolosa e fastidiosissima implorazione di Fassina. Auguri

    da PAOLO MARCO FABBRI il 15 febbraio 2014 alle 18:41

  16. Enrico non vogliamo morire renziani! Abbiamo ancora molto bisogno di te.
    Un caro saluto
    Jacopo

    da Jacopo Galli il 16 febbraio 2014 alle 13:04

  17. …non finisce qui’

    Da lei ci aspettiamo ancora qualcosa di nuovo, diverso, attuale

    Marisa e Romano

    da Romano Dorizzi il 16 febbraio 2014 alle 17:24

  18. Sono amareggiato che abbia dovuto lasciare l’incarico. ,una delle poche persone oneste. Però da lei mi aspettavo tagli su retribuzione,auto blu e pluriincarichi se avesse fatto questo ed anche una buona legge elettorale gli Italiani l’avrebbero sostenuta molto volentieri. Con simpatia Franco Iantosca

    da Franco Iantosca il 17 febbraio 2014 alle 09:36

  19. E’ un grande dispiacere rendersi conto di quanto il desiderio di potere possa far prendere decisioni sbagliate. Come può pensare Renzi di far meglio se la maggioranza è sempre la stessa? Con questa assurda strategia ha solo indebolito il suo partito. Ringrazio il presidente Letta per il suo operato, per il suo stile, per come ha rappresentato l’Italia in casa e all’estero. Mi auguro, per il bene del paese, che tutte le sensazioni negative che mi arrivano dai discorsi di Renzi non si traducano in brutte realtà.

    da Paola Maria Falsettini il 17 febbraio 2014 alle 16:29

  20. Hosempre votato per il PD, ma non lo faro’ piu’ perche’ un partito che permette ad un suo componente uno sgambetto simile non merita il mio voto ed al tuo posto lscerei quella gente a cuocere nel suo brodo di tradimenti, falsita”, e cafonaggine. Con simpatia.

    da Elio il 23 febbraio 2014 alle 07:10

  21. Io, mio marito e la nostra numerosa famiglia abbiamo votato sempre per il PD ed abbiamo sempre partecipato alle primarie, ma visto il comportamento del partito che ha avallato il tradimento di renzi, non gli daremo mai più il voto. Anzi, ci aspettiamo che tu, caro Enrico, lasci questa specie di apparato che non ti ha difeso come meritavi. Bada bene che non ti voglio incensare, perchè noi siamo dalla parte di Civati e ci auguriamo che anche lui lasci cuocere nel loro brodo i cospiratori e faccia, magari, iunpartito di sinistra che si rispetti, coinvolgendo Barca. Con stima. Rafaela.

    da Rafaela Siddi il 23 febbraio 2014 alle 08:46

  22. Enrico,
    ho piacere di esprimere tutta la mia stima e solidarietà per la tua indubbia onestà, oltre alle tue grandi capacità politiche. Credo che la tua bella famiglia abbia accumulato un credito, maturato in assenza per Palazzo Chigi, che ora avrai piacere di onorare per cancellare la naturale amarezza per il passaggio del testimone. Avrei gradito nel tuo operato governativo una dura e pesante legge contro la corruzione. Cordiali saluti.

    da Mario Traballoni il 23 febbraio 2014 alle 09:47

  23. Grazie per il grande lavoro che hai fatto. Il PD avrà bisogno di te, quando dovrà fare i conti con la realtà e si renderà conto che l’uomo solo al comando non porta bene.

    da Giovanni il 23 febbraio 2014 alle 10:00

  24. io non conto niente, non comprende perché Renzi L’abbia fatto dimettere, spero vivamente che sia stato fatto per il bene del nostro paese. Comunque grazie per il lavoro svolto e la grande professionalità dimostrata,in un momento molto difficile. La prego di non scoraggiarsi e di portare avanti sempre le proprie idee dentro il nostro gruppo, io La stimo, ma evidentemente anche altri visto che, al contrario di altri che l’hanno preceduto, Lei é stato applaudito all’uscita dal Quirinale.
    Capisco anche che la mediazione ed il dialogo hanno tempi lunghi, ma questi tempi sono quelli più rispettosi verso gli altri. Lavori ancora per il bene del nostro paese, Vedrà che abbiamo ancora bisogno di Lei.
    Che nostro Signore La conforti e l’assista insieme a tutta la Sua famiglia, Grazie ancora.
    Pietro

    da pietro montanari il 23 febbraio 2014 alle 10:02

  25. A distanza di qualche giorno, credo sia importante far sapere a Enrico Letta che lo abbiamo ammirato per la fatica e la competenza, e lo consideriamo un esempio dell’impegno politico di un cattolico.
    Lieti che Papa Francesco lo abbia ringraziato, ci uniamo in tanti a quel Grazie.
    Siamo sicuri che il nostro paese avrà ancora bisogno di un leader come lui.

    da Piercarlo Frigero il 23 febbraio 2014 alle 12:08

  26. Renzi vanta spesso la sua esperienza e capacità di amministratore, dimostrata come Sindaco di Firenze. I Bilanci degli anni più recenti del Comune di Firenze sono (a saperli leggere) fra i peggiori dei Comuni Capoluogo di Regione. Allora due sono i casi: o Renzi non sa leggere nemmeno il Bilancio del suo Comune, oppure è un bugiardo. E’ questo l’uomo che salverà l’Italia? Me lo auguro, ma non ci credo.

    da ugo de marco il 23 febbraio 2014 alle 15:39

  27. Caro Letta con molta simpatia le esprimo tutta la solidarietà di una donna che ha votato sempre per il pd e che in questo momento si sente frastornata di fronte al cinismo e alla brutalità di un così detto compagno .capisco la sua amarezza grande quanto il disgusto che mi fatto strappare la tessera.non posso accettare una politic senza etica.tanto vale votare Berlusconi almeno è l’originale la ringrazio per tutto quello che ha fatto

    da Vera il 23 febbraio 2014 alle 16:14

  28. Grazie per la tenacia, la pazienza, la correttezza, la classe dimostrate in questi mesi di Governo. Doti purtroppo non di moda nel Nostro Paese, e certamente estranee al PD, a cominciare dal suo leader.
    Non si angusti, lei merita di meglio
    L. Profumo

    da Lucia Profumo il 23 febbraio 2014 alle 21:53

  29. Caro Enrico,
    sei l’unico politico attuale, nella quale ripongo fiducia.
    Se ti venisse in mente la formazione di un nuovo soggetto politico,
    sarò al tuo fianco.
    Antonio.

    da Antonio il 24 febbraio 2014 alle 08:30

  30. On. Enrico Letta vorrei porgerLe autentici sentimenti di ringraziamento, per la costanza, la serietà, l’abnegazione dimostrata in questo brevissimo lasso temporale in cui ha assunto la carica di Primo Ministro in uno momento anomalo e critico. Sono un giovane laureato in cerca di raddrizzare la mia strada ricolma, ancora, di troppe curve, la Sua nomina nell’aprile 2013 mi aveva molto entusiasmato, nella Sua Figura ho sempre identificato intelligenza, pacatezza, senso del dovere, insomma MERITOCRAZIA una discriminante, me lo lasci dire, assente in un paese ricco di potenzialità umane. I commenti si snocciolano su cio’ che si è dimostrato e sulla capacità di ripagare la fiducia degli elettori. Nelle ultime consultazioni elettoriale ho votato PD, non lo nego, e focalizzandomi su di Lei e sul Suo Operato posso ritenere che la mia fiducia non è stata vana o delegittimata. In fondo, Onorevole, non è questo il senso piu’ alto di una DEMOCRAZIA? Sono certo che risponderà di Sì. Non intendo commentare gli eventi che hanno condotto la fine del Suo Esecutivo, in quanto queste poche righe sono per cio’ che posso valutare, il Suo Esecutivo, e di certo non l’attuale. Mi permetta semplicemente di esortarLa a non lasciare la vita politica, qualora le indiscrezioni trapelate sul web circa il Suo Futuro sia reali, allora quell’esercito di giovani capaci, colti figli di una sfrenata corsa all’istruzione degli anni moderni nella speranza di maggiori possibilità, perderebbe una rappresentanza notevole che faccia accademia, istruzione , che sia di reale esempio circa la possibilità di farsi strada in questo Paese solo grazie ai propri meriti.
    Grazie di tutto Onorevole Enrico Letta.
    ALTIERI MICHELE TRANI PUGLIA

    da Michele Altieri il 24 febbraio 2014 alle 10:43

  31. Grazie per il lavoro svolto e grazie soprattutto per lo stile!
    L’Italia può farcela perché esiste ancora spazio per una nuova generazione di politici. Tante volte in questi anni abbiamo sentito appelli a un’altra politica, ad un altro stile. Lei lo interpreta e può contribuire in maniera determinante alla formazione di una nuova classe dirigente.
    Lo spazio che si apre è enorme…le è data un’occasione unica. Credo che sia l’occasione per rilanciare il messaggio che accampagnava la sua campagna per le prime primarie del PD.
    Con stima e fiducia!

    da Simone Biffi il 24 febbraio 2014 alle 11:06

  32. Per fortuna che si è’ dimesso,l’unica manovra utile,lo sconto per i pendolari che per lavorare usano l’autostrada non si applica alla Salerno Napoli ne alla tangenziale
    Lavori infiniti , strade in pessime condizioni e si paga anche di più’

    da Raffaele Breglia il 25 febbraio 2014 alle 21:00

  33. Sono rammaricata per la caduta del governo Enrico Letta , figura positiva e equilibrata e per la sua opera rappresentativa sia in Italia che all’ estero. Non credo che Renzi sia all’altezza del presidente uscente.Porgo un caro saluto ad Enrico Letta,augurandogli un vita tranquilla ,da Elisabetta

    da elisabetta il 26 febbraio 2014 alle 00:57

  34. Le sue obbligate dimissioni sono una brutta storia che non mi aspettavo da un partito di sinistra. Buono il giudizio personale e politico. Non eviti di criticare l’attuale PM solo per rispetto ad un concetto di correttezza, per non far sembrare come “personali” i suoi giudizi: la sua correttezza mi sembra al di sopra di ogni sospetto.
    La sua vicenda conferma il detto che “con amici come questi non ti servono certo i nemici”

    da Roberto il 26 febbraio 2014 alle 10:22

  35. Oggi è il 26 febbraio 2014 e ieri sera a Ballarò Matteo Renzi rispondendo a una domanda di Floris ha detto che prima o poi andrà fatta chiarezza su come sono andate le cose e ha aggiunto che è stato il PD e gli alleati di governo che gli hanno chiesto di assumersi la responsabilità di governare. Bisognerebbe poi chiedersi chi ha cominciato a chiedere a Renzi di “sporcarsi le mani” indicando nomi di sua fiducia per un rimpasto nel governo Letta: a me è sembrato subito chiarissimo che Renzi non solo si sarebbe rifiutato ma che, se si fosse insistito su tale richiesta, avrebbe chiesto di “sporcarsi le mani” in prima persona, cosa che ha fatto. Mi sembra poi surreale pensare che Renzi non fosse sincero quando lanciava messaggi su messaggi del tono “Enrico stai sereno”. La verità è che altri hanno chiesto il cambiamento, dentro le forze politiche ma anche fuori. Io sono un iscritto al PD dal 2009 e ho partecipato ad alcuni incontri in vista delle primarie che hanno poi eletto Bersani segretario e ho potuto apprezzare le capacità di Letta pensando che prima o poi sarebbe venuto anche il suo momento. La statura di “statista”, che pur si è cominciata a vedere nei 10 mesi di governo, si è a mio avviso incrinata in questi giorni quando si è mostrato risentito in maniera plateale, tanto da farmi pensare che non solo Renzi sia molto ambizioso. Ma davvero Letta pensa di non aver commesso errori?

    da Marco Pucci il 26 febbraio 2014 alle 14:20

  36. Il presente per esprimerLe il più sentito apprezzamento e solarietà personale per la Sua onestà intellettuale come uomo e, soprattutto, politico rispettoso delle ISTITUZIONI.
    In sintesi Lei rappresenta insieme a tanti, ma pur sempre pochi, politici onesti e competenti dei quali il PD e, soprattutto, l’Italia avrebbe bisogno.
    Mi spiace altresì informarLa, per quanto possa valere, che quale iscritto al PD dalla sua fondazione, a seguito della vera e propria vigliaccata da Lei subita, peraltro, in buona compagnia, vedi Il Prof. Romano Prodi e l’On. Pierluigi Bersani, ho informato il mio Circolo che per l’anno 2015 non intendo rinnovare l’iscrizione.
    Termino chiedendoLe la cortesia di non mollare: spesso il tempo è galantuomo.
    Cordiali saluti
    Angeli Vittorio
    Tessera PD Circolo Centro P.zza Magenta -Livorno-

    da VITTORIO ANGELI il 5 marzo 2014 alle 15:10

  37. So che sono in ritardo ma ho le mie ragioni. Non sono un elettore del PD ma desidero esprimerle il mio sincero apprezzamento per il suo modo eccellente di interpretare il non facile ruolo di Presidente del Consiglio in tempi difficili. Sento la mancanza della sua moderazione del linguaggio, la precisione nel presentare il programma, la chiarezza nelle spiegazioni delle varie decisioni prese, la netta definizione di quello che si poteva fare o non fare e tanto altro, Mi auguro che un giorno si potrà di nuovo vederla in un ruolo importatnte della politica italiana. .

    da Silvio Fasola il 18 marzo 2014 alle 08:55

  38. agosto 2014..leggo tutti gli apprezzamenti che Le hanno inviato a febbraio…condivido tutto..
    l’arroganza della politica di cui Lei (e anche noi) è stato vittima emergerà al momento giusto
    credo che ci sia bisogno di Lei, della Sua serietà, della Sua statura di statista.. gli imbonitori
    passano.. e bene farebbero i media a rivalutare quello che abbiamo ancora di buono, di onesto,
    di competente…..sempre che non gli convenga di rimanere allineati e coperti per non
    dispiacere a qualcuno…..con grande stima l’aspettiamo….Piero Marcheschi Pisa

    da piero marcheschi il 5 agosto 2014 alle 08:48

  39. Ho trovato il tuo sito e quindi posso cimunicarti direttamente la mia posizione-Penso a tutto quello che è successo sopo 14/03/2014-Sono rimasto molto male perché Renzi non ha pensato di colaborare con te Enrico, avrebbe fatto ilSegretario e tu al Governo,invece ha voluto tutto-Ho mandato alla Commissione di Garanzia tutta la cronistoria del suo comportamento,copia che ti è stato consegnata dal mio compaesano On.Le MARCO CARRA, DA Pegognaga MN-Mi sono espresso anche pibblicamente sul nostro quotidiano e in alcune riunioni del P.D. ANCHE A LIVELLO provinciale-A distanza di 7/8 mesi le cose come si presentano? Mi ni mo con il nuovo Governo Renzi si è perso tempo-Nel proposito di salvaguardare la democrazia e la liberta’ nel Partito ho preso l’i niziativa di IMPEGNO DEMOCRATICO, IN MODO CHE ISCRITTI ED ELETTORI rispettino e mettano i n prtaica il documenti fondanti il Partito Democratico-Ti spero presente e determinato -Un cordiale saluto da Giorgio Bosi P.D. DI Pegognaga MN

    da GIORGIO BOSI il 12 settembre 2014 alle 21:21

Lascia il tuo commento