Il PD decida con serenità e trasparenza

Lettera di Enrico Letta alla Direzione nazionale del Pd

 

Carissimi,pd

penso che, in una giornata importante come questa, sia fondamentale che la discussione si sviluppi, e le decisioni conseguenti siano assunte, con la massima serenità e trasparenza. Per questo preferisco aspettare a Palazzo Chigi le determinazioni che verranno prese, in modo che tutti in Direzione si sentano liberi di esprimere valutazioni ed esplicitare le decisioni che ritengono opportune.

Vi ringrazio, Enrico Letta.

Commenti

Lascia il tuo commento
  1. non sarebbe ora di ricreare la scuola di pensiero:”dai a Cesare quello che è di Cesare, a †Dio quello che è di †Dio”?! Lei, Presidente, mi ha fatto inorgoglire d’esser stato un democristiano della prima repubblica, perché ha perfettamente interpretato il ruolo dell’esecutivo in parallelo al Parlamento ed ai partiti politici.
    Ora assisteremo all’assalto dell’ondina lunga.
    Le sono grato e spero che abbia il coraggio di creare un partito che si rifaccia alla democrazia dogmatica, in cui chi è in privato religioso, non dico cattolico, sarebbe un controsenso oggi, possa riconoscersi in un ramo del parlamento.
    Si ricorda il libro ‘la società senza padre’ ebbene è diventata ‘ la società dei nonni & Bisnonni protettori’
    Forse, noi ultimi pensatori del movimento giovanile, potremmo ricreare le condizioni per un nuovo futuro all’italiana, labora et ora qualche volta, ma ufficialmente,

    Ludovico MassimoLancellotti

    da ludo Massimo Lancellotti il 14 febbraio 2014 alle 20:46

  2. Desidero ringraziarti per la serietà e l’impegno con cui hai governato.
    Mi è molto dispiaciuto per la brutta conclusione e disapprovo Renzi per come ha agito.

    da ezia ruzzante il 14 febbraio 2014 alle 23:46

  3. La ringrazio sig. LETTA per l’attività svolta a favore della collettività in momenti difficili per il Paese e mi dispiaccio moltissimo per il comportamento del partito democratico. Auguri

    da buiatti loredana il 15 febbraio 2014 alle 10:16

  4. Egregio Presidente Letta,
    le bastardate italiche, non si capisce perché, partono tutte dal PD, e tutte dirette al suo interno. Personalmente ho avuto ed ho molta stima della Sua persona e dell’immagine (ma anche di sostanza) che ha dato di noi al mondo. Il ‘renzuccio’ non ha stile e credo, neppure preparazione e capacità così tanto villantate. Volevo ringraziarLa e comunicarLe che NON VOTERO’ MAI PIU’ PD e per noi che siamo Cattolici, ‘che il Signore ce la mandi buona’ (detto tutto italiano!!!).
    Buona giornata, e guardi dalla sponda il fiume, presto vedremo ‘renzuccio’ galleggiare (mi pare che la storia fosse così) e stia sereno perché il ‘cattivo e bel tempo non durano mai tutto il tempo’.
    Con stima, Giovanna Pierri e Tutta la Famiglia (4 + tutti glia amici siamo circa 45 che la pensano allo stesso modo)

    da Giovanna Pierri il 17 febbraio 2014 alle 07:39

  5. grazie signor presidente di averci dato 300 giorni di speranza, Lei ha fatto più cose di tanti altri altre cose non le ha fatte perché abbandonato dal pd, che dovrebbe essere stato il suo maggiore azionista. e che con questo ha perso il voto mio e dei mei amici.

    da zanni vittorio il 23 febbraio 2014 alle 11:13

  6. Lei ha dignità da vendere, lasci il PD che lo ha tradito, ma non la politica.

    da maria laura gugliucci il 24 febbraio 2014 alle 09:51

  7. Grazie per aver ridato, anche se per breve tempo, dignità al nostro Paese.
    Ora siamo in mano all’asse Renzi/Berlusconi e torniamo a soffrire.
    Il PD si è proprio squalificato.

    da Augusta Granati il 21 marzo 2014 alle 05:23

Lascia il tuo commento