Ora in Parlamento. Davanti agli italiani. Alla luce del sole

Enrico LettaDichiarazione del Presidente del Consiglio, Enrico Letta

Berlusconi per cercare di giustificare il gesto folle e irresponsabile di oggi, tutto finalizzato esclusivamente a coprire le sue vicende personali, tenta di rovesciare la frittata utilizzando l’alibi dell’IVA.

La responsabilità dell’aumento dell’IVA è invece proprio di Berlusconi e della sua decisione di far dimettere i propri parlamentari mercoledì, fatto senza precedenti, che priva il Parlamento e la maggioranza della certezza necessaria per assumere provvedimenti che vanno poi convertiti. Per questo, ieri si era deciso di andare al chiarimento parlamentare e si era concordemente stabilito di posporre a dopo il voto in Parlamento i provvedimenti economici necessari. Gli italiani sapranno rimandare al mittente una bugia così macroscopica e un simile tentativo di totale stravolgimento della realtà. In Parlamento ognuno si assumerà le proprie responsabilità d’innanzi al Paese.

Commenti

Lascia il tuo commento
  1. basta ..con questo vergognoso uomo ..è anziano ,il più vecchio d’Europa …è un uomo malato ,ha distrutto il paese ,basta con questi ricatti ….

    da rosalinda de francesco il 28 settembre 2013 alle 19:54

  2. non è semplice tenere questa linea tuttavia non è nemmeno concepibile, nella situazione in cui siamo, essere sempre sotto ricatto. La fase che si apre è rischiosissima, per le istituzioni, fortemente delegittimate, e per la tenuta del Paese. Coinvolgere tutti gli italiani onesti. Buon lavoro.

    da nicola il 28 settembre 2013 alle 20:08

  3. Forza Enrico!

    da Giovanni il 28 settembre 2013 alle 20:10

  4. Basta. Tutto questo è inconcepibile. Ancora una volta ricattati da un uomo che ha incarnato il peggio che c’è in ogni uomo dando l’illusione che l’illegalità sia in realtà legalità.

    da da diana il 28 settembre 2013 alle 20:18

  5. Presidente Letta, ci appelliamo al buonsenso di quello che rimane della classe politica. Non se ne può più del vecchio satiro, dei suoi lacchè, e del popolo caprone. Buon lavoro e buona fortuna a tutti i cittadini onesti, che sono tanti.

    da Franco De Nicola il 28 settembre 2013 alle 20:21

  6. coraggio presidente mandateli a quel paese e fate subito la legge elettorale

    da perla il 28 settembre 2013 alle 20:27

  7. Grande Letta, ora deve occupare le TV e spiegarle anche a coloro che non usano il web. Siamo stufi di vedere le reti occupate da gelmini e santanchè di turno a dire le solite balle. Perchè di balle si tratta.

    da Roberto Caria il 28 settembre 2013 alle 20:50

  8. Bisogna urlarlo in televisione! son stufo di vedere la gelmini…. Grande Letta!

    da Roberto Caria il 28 settembre 2013 alle 20:51

  9. ma non avevano buttato giù il governo? le camere dovessero essere inesistenti al momento

    da Giuseppe il 28 settembre 2013 alle 20:51

  10. Tenga questa linea, Letta. E’ quella giusta e gli italiani lo hanno capito e lo capiranno ancora di più. E’ Lei il candidato degli italiani a presidente del Consiglio, nelle primarie PD!

    da maurizio il 28 settembre 2013 alle 21:08

  11. Basta
    Basta
    Basta

    … Ma chi viene dopo cosa fa? Abolisce IMU , riduce aliquota iva , riduce % IRPEF , finanzia le aziende …

    Sotto a chi tocca …

    da Luca il 28 settembre 2013 alle 21:16

  12. Nelle aziende private esiste il periodo di prova. Il governo di larghe intese e lei come primo ministro dovreste andare a casa già solo per le promesse non mantenute: “Entro 100 giorni aboliremo finanziamento pubblico ai partiti e cambieremo il porcellum» (Enrico Letta, 136 giorni fa)

    da Thomas il 28 settembre 2013 alle 21:48

  13. Quello che è successo oggi si chiama un vile tradimento nei confronti del Popolo Italiano. Per colpa di una sola persona l’Italia rischia di cadere nel baratro!!! Vergogna, vergogna e vergogna!!!
    Questo è un atto che umilia l’Italia davanti al mondo intero!!!

    da alia sharif aghil il 28 settembre 2013 alle 21:56

  14. Le dimissioni del Pdl è un atto molto grave. E’ un vile tradimento nei confronti del Popolo Italiano.
    Per causa di una sola persona tutta l’Italia rischia di precipitare nel burrone. Vergognatevi! Oggi l’Italia è stata umiliata.

    da alia sharif aghil il 28 settembre 2013 alle 22:05

  15. Finalmente si trova l’ago sulla paglia. Chi ha buttato l’ago da tanti? Moltissimi. Qual’e’ il costo di trovare……Forse sono questi puristi stessi che hanno delle esperience…..Chissa!!!!

    da Gianni LaRosa il 28 settembre 2013 alle 22:12

  16. Spero che la crisi si possa ricomporre almeno per fare una legge elettorale degna di questo nome, poi voto e gli italiani non dovranno dimenticare tantomeno vanificare il Suo lavoro. Se non è iniziata un’altra guerra nel mondo è grazie al Suo impegno, grazie e complimenti per la Sua serietà politica istituzionale ed intellettuale, di questi non così scontata

    da Leonardo il 28 settembre 2013 alle 23:30

  17. se non si taglia la spesa pubblica improduttiva resteremo impantanati per sempre, non se ne esce. perché non cominciare col tagliare quei circa 24 miliardi di contributi a pioggia alle imprese, definiti quasi o del tutto inutili dagli stessi imprenditori, che preferirebbero di gran lunga la riduzione delle imposte e la semplificazione degli adempimenti burocratici. si può fare subito. e si risolverebbero gran parte dei problemi del paese. e il governo potrebbe andare avanti, con o senza i ministri pdl.

    da giampaolo ghiani il 28 settembre 2013 alle 23:52

  18. Online, su tutti i media, tra parenti, amici e conoscenti è un gran discutere di crisi di Governo, maggioranze alternative, cosa succede adesso ecc. In realtà è una gran perdita di tempo, un’altra arma di distrazione di massa per aprire le porte alla Troika, che zitta-zitta s’avvicina allo Stivale. Sono curioso di vedere cosa faranno stavolta Grillo & C. Ponzio Pilato? Don Abbondio? Sveglia, grillini! Un tempo si diceva “il nemico ti ascolta!”, ora il nemico è cambiato!

    da Giovanni Panunzio il 29 settembre 2013 alle 00:02

  19. Berlusconi è vergognoso. L’impressione però è che abbiate rimandato per troppo tempo decisioni pesanti come quelle dell’IVA e adesso vi rimpallate le responsabilità. Come sempre pagheranno per primi i cittadini. DELUSO.

    da William il 29 settembre 2013 alle 04:45

  20. Gentile Presidente,
    si trasferisca in TV e parli a tutte le televisioni, a tutte le trasmissioni, a tutte le radio.
    Lo faccia capire bene.
    Intanto offra a Sel e M5S i punti in comune col nostro programma (quello vero!)
    Cambiamo la legge elettorale, aiuti le famiglie e gli Italiani, quelli autentici, la ricompenseranno

    Buon lavoro

    da Giulio il 29 settembre 2013 alle 17:58

  21. ci sarà la stessa chiarezza, come alla luce del sole, sul colloquio tra Letta e Napolitano? La chiarezza che il popolo vuole è che si elimini, con l’incandidabilità, la vita politica del condannato! Perchè, tirando le somme, tra il falso in bilancio,il Porcellum, i vari lodi, i vari scandali, i tranelli tesi a eliminare Presidenti della Regione, Segretari PD, corrompere giudici, compravendita parlamentari, l’Italia è finita proprio male in tutti i sensi! Ora basta non paghiamo più per le inefficenze, gli errori, gli interessi, gli scandali, le ruberie dei governanti!

    da katia karen il 29 settembre 2013 alle 18:14

  22. Spero che questo INCUBO finisca presto viste anche le nette posizioni di dissenso che si stanno manifestando. Chiedo comunque che si affronti senza remore e false scuse la questione della legge elettorale e la legge di stabilità successivamente se possibile sarebbe opportuno dire chiaramente agli italiani per quale motivo non si riesce a tagliare le spese improduttive. Quali sono i problemi? Di tipo elettorale? Ci sono privilegi che non si possono toccare? Ditelo in modo chiaro in modo che ci si possa regolare il giorno delle votazioni.
    Spero che il cambiamento positivo avvenga presto.

    da maurizio il 29 settembre 2013 alle 18:51

  23. il nostro paese ha bisogno di un governo, non si può tornare alle urne con questa legge elttorale.
    vada avanti presidente, non si fermi , il popolo italiano è con Lei, possiamo farcela.
    governo letta bis

    da filomena vendittelli il 29 settembre 2013 alle 20:49

  24. Presidente Letta, ci appelliamo al buonsenso di quello che rimane della classe politica. Non se ne può più del vecchio satiro, dei suoi lacchè, e del popolo caprone. Buon lavoro e buona fortuna a tutti i cittadini onesti, che sono tanti.
    Però ricordi anche lei le promesse fatte.. i 100 giorni sono passati. Abolizione finanziamento ai partiti e legge elettorale dove sono ?

    da Renato Amato il 29 settembre 2013 alle 22:26

  25. Sig. Presidente del Consiglio stasera l’ho vista a Che tempo che fa penso che lei sia uno statista come da anni la nostra Italia non vedeva seduti al suo posto la ringrazio per le sue parole e per la sua dedizione al Paese che prevale da logiche di partito o ideologiche

    da Leonardo il 29 settembre 2013 alle 22:30

  26. Grazie Enrico per il tuo equilibrio e le evidenti capacita’…fai del Tuo meglio come sempre !!

    da Roberto il 30 settembre 2013 alle 06:00

  27. caro Enrico tieni duro per il bene del paese,raccogliendo possibilmente l’adesione di moderati ed onesti come Te. Berluscono ha stancato anche i suoi !
    Maurizio geminiani ( vecchio democristiano )

    da MAURIZIO il 30 settembre 2013 alle 06:44

  28. …Caro Enrico, io Maurizio Spagna voterò sempre per lei!
    La libertà dei suoi pensieri onesti e preziosi per l’Europa hanno ricreato un valore concreto agli uomini e le donne di questo meraviglioso paese.
    E quindi credo che questa onestà sia oggettivamente un grande tesoro ormai introvabile in questi anni difficili e anche un pò disonesti.
    Credo che lei non conosca nella sua interiorità la parola inganno ma il meglio per il popolo italiano e quindi io voterò sempre per lei!
    “La prego di non creare un precedente con il caso Berlusconi perché tra i malviventi, potrebbe scatenare una sorta di potere del posso fare ciò che voglio tanto non sarò condannato ma graziato”
    Buon lavoro e saluti Enrico Letta.

    da Maurizio Spagna il 30 settembre 2013 alle 14:02

  29. Caro Presidente Letta, gli italiani non ne possono più di questa giostra!! Il Parlamento non può essere comandato da un qualsiasi pregiudicato, perchè di un pregiudicato stiamo parlando, che manovra a suo piacimento i suoi burattini. Anche se si andasse alle votazioni, con questa legge tutto rimarebbe come prima e ci sarebbero solo un po’ di soldi in meno nelle casse dello Stato. La percentuale di astensionismo raggiungerebbe livelli da paura, la credibilità che con lei abbiamo faticosamente raggiunto in questi mesi verrebbe spazzata via. Il sig. Berlusconi deve essere reso inoffensivo, bisogna trovare il modo di eliminarlo!!! Siamo con lei perchè crediamo nel nostro Paese. Viva l’Italia!!!!!

    da Liliana Intropido il 30 settembre 2013 alle 15:02

  30. Solo per esprimere la mia solidarietà ed apprezzamento. Resista!

    da Anna il 30 settembre 2013 alle 15:23

  31. Siamo in balia di un mentecatto che ci sta mandando in rovina sol per salvaguardare se stesso.E’ un atteggiamento vergognoso e riprovevole!Guarda caso ricatta e fa cadere il governo (Anche Prodi)quando comincia a lavorare e a fare le riforma che il Paese aspetta da 20 anni.Ma che se ne vada via. Lei non deve mollare,deve,con il nostro Pesidente trovare il modo di andare avanti.Unitevi tutti ,tutti i partiti ,costi quel che costi,ma vada avanti:con Pannelle,Grillo,Monti,tutti ma mandatelo via.E poi,la legge non è uguale per tutti o ha l’elastico?Grazie

    da Gozzi Marilena il 30 settembre 2013 alle 20:34

  32. La forza delle scelte alla luce del sole, non eravamo piu’ abituati a questa mentalita’. Dai Enrico noi siamo con te, comunque. Jacopo

    da jacopo galli il 30 settembre 2013 alle 21:06

  33. Problema urgente da risolvere in Italia è sicuramente quello occupazionale e dunque comincerei subito a dimezzare gli esosi compensi elargiti a personaggi come Giuliano Amato, C. A. Ciampi, ecc. e ad altri pensionati d’oro che dovrebbero dare esempio di maggiore sobrietà ed umilta’ collaborando con lo Stato gratis come altri concittadini quotidianamente fanno lontano dai clamori e dalle luci della ribalta

    da lincesmeraldina il 1 ottobre 2013 alle 01:06

  34. presidente avevo sperato che una persona come lei ci avrebbe portato fuori da questa massa di approfittatori per non dire altro ,ma dopo aver sentito ieri sera la puntata di report mi son dovuta ricredere.presidente ma quando ci risolleveremo da questa crisi ! se non metterete persone giuste al posto giusto!!.siamo stanchi di vedere la nostra bella italia divorata da persone avide solo di denaro e di potere .

    da luisa il 1 ottobre 2013 alle 06:44

  35. Caro Presidente,
    le auguro con tutto il cuore di continuare il suo mandato.
    Non dimentichi che il Paese ha bisogno di un segnale forte di moralizzazione: riduzione del numero dei parlamentari, riduzione degli emolumenti, tetto alle pensioni d’oro, riduzione delle auto blu.
    E basta con le pagliacciate, cambiare nome alle tasse è solo demagogico: l’IMU deve rimanere, con una franchigia sulla prima casa che esenti i proprietari di modeste abitazioni (500 euro?).
    Siamo in molti disposti a sacrificarci per la nostra Patria, ma i sacrifici devono riguardare tutti. Con molta stima, M. Stella Lelli

    da maria stella lelli il 1 ottobre 2013 alle 09:45

  36. Berlusconi ha dovuto lasciare il governo per incapacità di gestire la crisi, è subentrato il governo Monti che lui ha sfiduciato, è subentrato il governo delle larghe intese che lui intende sfiduciare , siamo in balia degli isterismi di un uomo che sta sfasciando l’Italia , che detta le sue condizioni da sempre e sopratutto negli ultimi tre anni, questo andrebbe ribadito in parlamento

    da bruna il 1 ottobre 2013 alle 09:49

  37. in bocca al lupo Presidente! tutto il mondo ci guarda e conta su di lei, vogliamo che l’Italia sia finalmente un paese normale!!!

    da marina il 2 ottobre 2013 alle 07:15

  38. Per venire fuori dalla Crisi, credo nell’attuale impegno del Governo, guidato da Enrico Letta. Vedo positivamente il distacco di Alfano dalle intenzioni del leader del PDL, che si evincono negli atti e nelle dichiarazioni che sta portando avanti in questi ultimi giorni…e ultime ore. L’italia non ha bisogno di pensare a lui, il paese ha bisogno di pensare al proprio futuro per uscire dalla peggiore situazione in cui si sia mai trovata dal dopoguerra ad oggi.
    Grazie Gianni Letta e grazie Angelino Alfano se gli confermerai la fiducia…. noi tutti lo meritano…. anche quelli che ancora sono “offuscati” da propositi ad personam ed irrazzionali e fortemente negativi per il paese.

    da Roberto il 2 ottobre 2013 alle 12:01

  39. Congratulazioni!
    Adesso non è più ricattabile, vada avanti deciso per il bene di tutti gli Italiani!
    M. Stella Lelli

    da maria stella lelli il 2 ottobre 2013 alle 13:03

  40. Grande Enrico Letta !
    Quella di oggi e’ una grande vittoria, politica e morale.
    Un segno forte di fiducia per tutti noi,
    adesso lasciate lo lavorare !!

    da Roberto Scavìno il 2 ottobre 2013 alle 14:19

  41. Sig. Presidente del consiglio Enrico Letta sono contento che il governo non sia caduto, ma non riesco ancora a capire se essere contento o meno del fatto che Berlusconi le ha votato la fiducia ho l’impressione che sia uno dei suoi tanti meschini giochini. A prescindere da questo come ha detto adesso avanti tutta verso le riforme quelle che piacciono a lei ovvero quelle che magari non daranno riscontri nel brevissimo termine ma quelle strutturali che rimetteranno in piedi la nostra amata ITALIA

    da Leonardo il 2 ottobre 2013 alle 22:45

  42. Carissimo Presidente,
    proprio ieri con un cliente si è parlato di ripresa
    economica, dei piccoli ma fiduciosi segnali che
    man mano in questi ultimi tempi si sono prospettati
    positivi, rispetto a qualche tempo fa. Ci siamo interrogati
    su quanto una sfiducia nel suo, nel nostro governo
    avrebbe avuto ripercussioni devastanti. Carissimo
    Presidente, oggi più che mai non posso che essere
    entusiasta della fiducia che le è stata accordata,
    felice di essere rappresentato dalla sua persona che
    parla agli italiani, innanzitutto come padre di famiglia,
    responsabile del futuro dei propri figli e poi come politico
    colto e preparato. Grazie Presidente di quanto sta facendo,
    della sua dedizione, del suo entusiasmo, del suo coraggio,
    dell’esempio umano e politico che da tanto tempo mancava
    tra i banchi del Parlamento. Grazie perché oggi tornando
    a casa ho pensato che il nostro futuro e quello dei nostri figli
    sia non solo una speranza, non un’utopia, non una parola
    lasciata in balia del vento, ma un possibile cammino concreto
    verso una ripresa di credibilità culturale, istituzionale ed economica.

    da Gianluca Greco il 2 ottobre 2013 alle 23:14

  43. Illustre Presidente, non ci deluda. Ricordo gli articoli, apparsi quotidianamente, del grande giornalista Giuseppe D’Avanzo sulla “Repubblica” che poneva dieci domande alle dieci bugie dichiarate dal Presidente Berlusconi” le risposte non sono mai arrivate. Signor Presidente, la chiarezza sopratutto, per chi ci governa, è un valore e mi auguro che lei, nella gestione della risalita di questa crisi profonda recupera lo strappo che si è creato tra cittadini e istituzioni, affermando il valore della chiarezza.
    Illustre Presidente, nel suo discorso di insediamento alle camere, ha citato più volte il rispetto per chi ha lavorato per tanti e tanti anni, proponendo la modifica della riforma Fornero in particolare per le donne che lavorano da circa 40 anni che subiscono tutto il peso degli sprechi di questa società. Non ci delude con le bugie. La procedura d’ infrazione, per la questione dell’adeguamento dei requisiti pensionistici tra uomo/donna ai fini della parità, sollevata dall’Europa, è semplicemente ridicola perchè, le donne che lavorano in Italia e mi riferisco, in particolare al Sud, non hanno le stesse opportunità dei servizi sociali erogati dagli altri stati membri come (Germania, Francia, Spagna e altre Nazioni d’Europa.)Illustre Presidente, noi donne lavoratrici, restiamo in attesa di una sua risposta e mi auguro che non resti una bugia.

    da Alba il 28 ottobre 2013 alle 10:08

Lascia il tuo commento