Su lavoro e unione bancaria non accetteremo compromessi al ribasso

I premier di Italia e Belgio, Enrico Letta e Elio di Rupo, a Palazzo ChigiSui temi del prossimo Consiglio Ue del 27 e 28 giugno c’è “un’intesa molto forte tra Belgio e Italia, due paesi fondatori dell’Unione europea, due paesi fortemente e naturalmente europeisti”. Lo ha ribadito il presidente del Consiglio Enrico Letta, insieme al collega belga Elio Di Rupo, al termine del loro incontro a Palazzo Chigi.

”Credo che l’Europa abbia bisogno della spinta del Belgio e dell’Italia, siamo qui per aiutare l’Europa a essere più europea di quanto sia”. Per questo la necessità di interventi concreti contro la disoccupazione giovanile e decisioni non rinviabili sull’unione bancaria dovranno essere al centro del Consiglio europeo in programma la prossima settimana.

“Insieme abbiamo deciso che su questi due temi non accetteremo compromessi al ribasso nelle conclusioni del Consiglio europeo” ha detto Letta, in conferenza stampa congiunta con il premier belga Elio Di Rupo.

“Il prossimo consiglio europeo deve essere ricordato come un consiglio che parla ai giovani europei e alle famiglie dei giovani europei preoccupati perché non trovano lavoro. Credo si possa arrivare a risultati positivi e concreti che riguardano sia la Banca europea di investimenti, che la Youth guarantee, che i fondi strutturali europei”, ha aggiunto Letta. ”Crediamo che questi risultati siano a portata di mano”.

”Il terzo capitolo di questo patto fra Belgio e Italia è che vogliamo, per il Consiglio Ue del marzo dell’anno prossimo, mettere in piedi un’attenzione maggiore alla politica industriale europea”. Così il presidente del Consiglio annuncia la decisione di ”creare una task force Belgio-Italia che lavori di concerto con la Commissione per proporre iniziative” in questo senso perché’ ”non vogliamo accettare la deindustrializzazione del nostro Continente,  e l’Europa ha un futuro che vuole essere a vocazione industriale”.

Il video della conferenza stampa.

Commenti

Lascia il tuo commento

Lascia il tuo commento