Giù le mani dall’euro, è Berlusconi ad affondarlo

“Paradossale che proprio Berlusconi si permetta di dire oggi che l’euro è sotto attacco perché non ha convinto nessuno. Piuttosto è l’Italia che è in crisi, una crisi senza precedenti, perché lui, il presidente del Consiglio, non è più in grado di convincere nessuno: in Europa e nel mondo, ma anche nel proprio Paese. La verità è che questo attacco è solo l’ultima conferma, in ordine di tempo, della necessità che il Berlusconi  anti e ipoeuropeista lasci e venga sostituito da un primo ministro ipereuropeista. Al premier, e a quanti cercano
strumentalmente capri espiatori per non ammettere il fallimento di un’intera stagione politica, diciamo ‘giù le mani dall’euro’, ribadendo, una volta ancora, che la moneta unica è stata la salvezza dell’Italia. Senza saremmo, letteralmente, a gambe all’aria”. Lo dichiara Enrico Letta, vicesegretario del Partito Democratico.

Commenti

Lascia il tuo commento

Lascia il tuo commento