Federalismo, il governo faccia chiarezza

«Mi appello al Governo, perchè sembra che il federalismo fiscale possa essere rimandato al prossimo decennio, su questo punto occorre massima chiarezza». Lo ha affermato Enrico, intervenuto a un convegno sul patto di stabilità organizzato dal PD a Padova. «Occorrono scelte utili – ha aggiunto Enrico – per una maggiore responsabilità in capo agli amministratori locali in modo da premiare i virtuosi e stimolare le amministrazioni che non rimuovono gli sprechi. Nella Lega noto un atteggiamento contraddittorio: sul territorio favoleggiano di federalismo fiscale, mentre poi a Roma continua un centralismo inamovibile. Credo che sia ora di finirla con il gioco delle tre carte». A una domanda sul taglio dei costi della politica ed in particolare degli emolumenti dei parlamentari Enrico ha aggiunto: «la proposta di Calderoli è condivisibile, anzi mi sembra una cosa piccola. La nostra posizione è per un allineamento dei parlamentari e dei responsabili di Governo alla media europea». «Su questo fronte il Pd non ha nulla da imparare da nessuno, dato che il Governo Prodi tagliò il 30 per cento delle indennità previste per i ministri e per i sottosegretari. Se la classe politica vuole sacrifici dai cittadini – ha concluso – deve fare di più e credo che si debba intervenire anche sulle pensioni degli ex parlamentari prima di guardare a un intervento sulle pensioni degli altri italiani»

Commenti

Lascia il tuo commento

Lascia il tuo commento