Qualcosa di sinistra

Intervento di Enrico a Repubblica Tv di lunedì 6 giugno.

Manovra finanziaria, scioperi, auto blu, rai, riforma dell’età pensionabile per le donne, pmi, disoccupazione e le difficoltà del Partito Democratico.

Questi i temi di cui Enrico ha parlato nell’intervista in diretta video andata in onda il lunedì 6 giugno su Repubblica Tv con i giornalisti Massimo Giannini e Annalisa Cuzzocrea, ma con domande poste anche da quanti seguivano la diretta in streaming e interagivano attraverso la chat del quotidiano.

I temi trattati sono quelli di maggiore attualità, primo fra tutti la manovra finanziaria. Enrico ha confermato la linea critica del Partito Democratico, spiegando i motivi di questa posizione: in primo luogo alla tardività dell’intervento, invocato invece da due anni dall’opposizione. Dopo aver mostrato, infatti, un infondato ottimismo e aver tacciato il Pd di disfattismo, il governo si è reso conto della necessità di tale intervento, ma con un ritardo che ha portato alla perdita di 10 miliardi di euro per il nostro Paese.

Inoltre, Enrico ha concordato con l’analisi del Presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, e del governatore della Banca d’Italia, Mario Draghi, che evidenziano la mancanza di riforme strutturali previste nella stessa, invece ritenute necessarie per il nostro Paese, prevedendo invece solo soluzioni temporanee. In confronto a quelle varate dagli altri Paesi europei, la nostra manovra mancherebbe di due elementi fondamentali: il rispetto delle regole preesistenti, aggirandosi su di essa lo spettro del condono, e l’equità, non richiedendo a tutti uguali sacrifici.

Rispetto ai prossimi scioperi indetti dalla Cgil, Enrico afferma che questi verranno sostenuti dal PD in presenza di contenuti condivisi dal partito stesso, che si prepara invece a organizzare una propria opposizione, mentre invece esprime la propria contrarietà a quello annunciato dalla magistratura.

Enrico ha poi affermato la necessità che il Pd alzi i toni sulla questione Rai: il premier, infatti,  avrebbe tacitamente fatto uno scambio tra i telegiornali, passati sotto il suo pieno controllo, e spazi limitati concessi invece all’opposizione, in cui sarebbe ancora possibile esprimere la contrarietà rispetto al governo, come ad esempio i talk show politici. Nei confronti di questa situazione quindi, Enrico afferma la necessità di mostrarsi meno timidi. Questo un esempio delle difficoltà di comunicazione del partito che Enrico stesso ammette e la necessità di un «cambio di passo».

Sempre esaminando i temi di attualità, Enrico affronta il problema dell’innalzamento dell’età pensionabile delle donne, definendolo un «falso problema». Infatti l’età reale di fuoriuscita di queste dal mercato del lavoro, porrebbe il nostro Paese perfettamente in linea con il resto dell’Europa. Il vero problema è invece rappresentato dal differente percorso di carriera che le donne si trovano ancora oggi a dover affrontare, risultando ancora fortemente discriminante. È su questo infatti che bisogna concentrarsi, per superare e migliorare quella che purtroppo è tuttora una società «maschilista».

Infine, rispondendo a una domanda posta in chat da un ascoltatore sui costi della politica e in particolare sulla necessità di riduzione delle auto blu, Enrico ha proposto la soluzione del car sharing.

Commenti

Lascia il tuo commento

Lascia il tuo commento